L’intelligenza della natura

Apr 4, 2022

CENTO SEMI CHE PRESERO IL VOLO

di Isabel Minhós Martins e Yara Kono

“L’albero aspettava.
E sperava.
Speranzoso per natura.
Che cosa aspettava?
Che tutto andasse bene
(ecco cosa sperava).
Che cosa aspettava?
Il giorno perfetto,
il giorno giusto,
il giorno!” (cit.)

Ci sono dei libri che vedi e che ti colpiscono. Quei libri che hanno quel qualcosa in più, che hanno un messaggio profondo senza essere pesanti e didascalici, quei libri che più li leggi e più ti piacciono, più li leggi e più ne vedi la bellezza. Cento semi che presero il volo è uno di questi. Non è la prima volta che ne parlo, ma io e Cipepepè siamo fatti così, delle cose che ci piacciono ne parliamo, sempre, a raffica. A volte per fortuna le nostre intuizioni coincidono con la realtà e infatti Cento semi che presero il volo è stato tra i tre finalisti del Premio Orbil 2022 nella sezione divulgazione. 
Perché mi è piaciuto? Perché unisce in modo delicato, quasi poetico, la divulgazione al racconto, alla narrazione di una storia. E la storia è bella: è la storia di un albero che sa aspettare. Aspetta che passi il freddo, il brutto tempo, che passi la pioggia. Aspetta il caldo, si rilassa e lascia andare i suoi semi: cento semi che hanno preso il volo. Ma dove sono andati? Alcuni sono finiti per strada, altri in un fiume, altri sulle rocce, alcuni li ha presi lo scoiattolo e altri un bambino, alcuni se li è mangiati il ghiotto merlo… e così via. Il numero dei semi diminuisce, alla fine ne restano solo tre. Di cui due seccano…Insomma sembra che tutto sia perduto, ma la natura e gli alberi sanno aspettare e riservano sempre delle sorprese. 
Le illustrazioni colorate, geometriche accompagnano questa storia di pazienza, di attesa del momento giusto affinché tutto vada come deve andare. Un testo in cui la divulgazione è raccontata in modo narrativo, semplice, scorrevole ma anche incalzante. E il lettore è coinvolto perché viene chiamato in causa. Un inno all’intelligenza degli alberi. Un modo creativo di raccontare sia gli alberi, sia la forza e la tenacia dei loro semi.

Cipepepè a scuola – Che cosa resta di una storia?

Partecipare a un progetto di lettura per chi, come me, è appassionato di storie, di racconti è sempre un piacere e un onore.E finalmente, dopo tanto tempo, siamo tornati a leggere in presenza a scuola.Cipepepè ha lasciato la sua Tana ed è andato a incontrare i bambini...

Parliamo di… Natale

Io amo tutte le stagioni… Non ho una stagione preferita: ogni stagione ha qualcosa di speciale.
L’inverno è il freddo pungente. L’inverno è Natale. L’inverno sono serate sul divano, a guardare un
film o leggere un libro da sola o con i miei figli.

Il mago delle bolle scritto da Elisabetta Jankovic e illustrato da Izumi Fujiwara

Alzi la mano chi non ama le bolle di sapone! Le bolle di sapone… quelle che cerchi di afferrare, correndo di qua e di là.

Come in un giardino

Perché la diversità sarà sempre una ricchezza ed essere tutti uguali È una vera noia!

Piccola orsa di Jo Weaver

Questa è una storia che mi ha accompagnato sempre nelle mie letture in biblioteca, una storia che sa di amore, di scoperta, di partenze e ritorni, di avventure e di casa.

Appuntamenti

There are no upcoming events at this time.
Prossimi appuntamenti

There are no upcoming events at this time.